MISTER LINK (dal 17 settembre)

UN ROAD MOVIE IN STOP-MOTION SULLE TRACCE DEGLI YETI. Film d’animazione realizzato con la tecnica (amatissima da Tim Burton) della stop-motion, Missing Link è la seconda fatica dietro la macchina da presa di Chris Butler, 45enne animatore e sceneggiatore americano che ha lavorato anche a La sposa cadavere, Tarzan 2, Kubo e la spada magica, Coraline e, soprattutto, ParaNorman, il suo esordio da regista. Il titolo del film è la traduzione inglese di ‘anello mancante’, che richiama esplicitamente il famoso concetto darwiniano degli anelli di congiunzione (ossia gli esemplari di specie che stanno a metà tra due tipi di animali differenti) perché il protagonista di questo lungometraggio animato è uno sasquatch. Forse più conosciuto con il nome di bigfoot, lo sasquatch protagonista di Missing Link scrive a sir Lionel Frost, il coprotagonista umano della vicenda, e decide di rivelarglisi apertamente in moda da chiedergli aiuto per mettersi in contatto con gli yeti che vivono sull’Himalaya, suoi parenti. Passata la sorpresa iniziale di trovarsi di fronte a una bestia considerata immaginaria prima di quel momento, sir Lionel acconsente ad aiutare lo sasquatch – che lui inizia a chiamare Link, appunto – ma la strana coppia così costituita non sa ancora che, alle loro spalle, lord Piggot-Dunceby, il rivale di Frost, ha messo un cacciatore di taglie alle loro calcagna…